Skip to content

Dal manoscritto all’eBook: la lettura dalle origini ai giorni nostri

8 aprile 2014

Prima parte: alla Biblioteca Federiciana

manoscritto

manoscritto

Si è conclusa a febbraio 2014 l’iniziativa “Dal manoscritto all’ebook”, organizzata dal Sistema bibliotecario fanese, che ha visto impegnati a partire da dicembre 2013 circa 200 tra studenti e docenti dei Licei e delle scuole professionali fanesi in un percorso attraverso la straordinaria storia della scrittura e della lettura.

ebook

ebook

L’iniziativa ha suscitato curiosità e domande sia tra i ragazzi abituati ormai a convivere con le tecnologie digitali come i computer, Internet, telefoni cellulari e tablet sia tra i docenti cresciuti in un’epoca precedente in cui è stata indiscutibile la centralità del libro cartaceo come strumento per l’apprendimento e la lettura di piacere.

Il programma si è svolto in due momenti distinti cominciando dalla Biblioteca Federiciana dove i bibliotecari hanno raccontato la storia della scrittura, dei supporti e dei materiali che sono stati adottati a partire dal 3000 ac., dalla tavoletta di argilla alla carta, dal volumen al libro stampato. 

Tavoletta di argilla

Tavoletta di argilla

Volumen (rotolo di pergamena o papiro)

Volumen (rotolo di pergamena o papiro)

Incunabolo (primi libri a stampa)

Incunabolo (primi libri a stampa)

Codex (di pergamena o carta)

Codex (di pergamena o carta)

Hanno poi proposto una sintesi delle principali tipologie di scrittura antica che vengono studiate dalla paleografia latina quali l’onciale, la gotica, la carolingia, l’umanistica, la cancelleresca romana, mostrando agli studenti alcune immagini delle varie scritture per evidenziarne le differenze. 

Scrittura umanistica

Scrittura umanistica

Scrittura gotica

Scrittura gotica

Scrittura onciale

Scrittura onciale

Scrittura carolingia

Scrittura carolingia

Manoscritto miniato

Manoscritto miniato

Grande attenzione è stata riservata alla storia del manoscritto e della miniatura con riferimento all’attività degli amanuensi e della loro attività di trascrizione dei testi dell’antichità, delle decorazioni delle lettere iniziali e delle illustrazioni che arricchivano i documenti. 

Cinquecentina

Cinquecentina

Si è giunti poi all’invenzione della stampa e all’importanza di Venezia nel settore dell’editoria. I bibliotecari hanno presentato un codice manoscritto del ‘400, un incunabolo, una cinquecentina, dei libri antichi del ‘600 del Fondo Federici contenenti illustrazioni di importanti battaglie, un volume antico dell’800 e un volume/opuscolo a stampa dei primi anni del ‘900.

Incunabolo

Incunabolo

Libro d'oro Borgogelli

Libro d’oro Borgogelli

Infine, sono stati selezionati alcuni manoscritti come ad esempio quello zoologico del Majoli, il manoscritto del Fondo Federici sulla nautica, il manoscritto di Nicolò Betti con le tavole che illustrano il progetto di una “macchina volante”, una lettera di Eleonora Duse e il “Libro d’Oro della nobiltà fanese” di Borgogelli.

Manoscritto Fondo Majoli

Manoscritto Fondo Majoli

Manoscritto Amiani

Manoscritto Amiani

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: